Addestramento Cane da Tartufo

Il mio primo cane da tartufi è stato Melampo, un fantastico bracco pointer. A lui devo tanto di quanto imparato sull’addestramento alla cerca del tartufo.

Bravissimo ed ubbidiente nella cerca simulata, fin dalle prime uscite nel bosco ha messo in evidenza il suo istinto venatorio, e la sua esuberanza.

Ci è voluta tanta pazienza e tanta dedizione. Se non fosse stato veramente difficile fare di lui un vero cane da tartufo, forse oggi ne saprei molto meno.

Successivamente Melampo è diventato la mia nave scuola. Insieme abbiamo insegnato a tutti gli altri miei cani il comportamento nel bosco. I suoi movimenti eclatanti erano facili da interpretare, è diventato così un esempio da seguire. Il mio capo branco, in casa e fuori.

Addestramento Cani da tartufo

Addestrare un cucciolo o un cucciolone è un divertimento per il cane e per il suo conduttore.

Vedere il nostro amico migliorare e la disinvoltura con cui impara ad eseguire i comandi sono una soddisfazione, un piacere e un divertimento per entrambi.

La cerca del tartufo è un gioco e un divertimento per uomo e cane.

Quando finalmente il Cane trova i suoi primi tartufi in tartufaia naturale è il principio di una nuova avventura. L’uomo e il cane iniziano a lavorare insieme, a conoscersi e rispettarsi l’un l’altro.

Un binomio che col tempo toglierà la voce all’uomo e lascerà completamente spazio a gesti e sussurii.

Fasi di Addestramento

Il periodo migliore per addestrare alla cerca del tartufo un cucciolo o cucciolone è quello del marzuolo (Gennaio-Marzo). A seconda della disponibilità di tempo, talvolta mi dedico all’addestramento di un cucciolo o cucciolone se nato presso il nostro allevamento.

  1. Il primo step della durata di circa una settimana prevede l’inserimento del Cucciolo, o meglio il reinserimento nel suo nuovo branco e il riconoscimento del capo branco (io). Successivamente si lavora sulla cerca simulata in cortile. La durata di tale fase dipende esclusivamente dal desiderio e la capacità del cane (1-2 settimane).
  2. Si arriva quindi alle prime uscite nel bosco. Accompagnati da un cane esperto si cerca di sfruttare lo spirito di emulazione. Si lascia che l’allievo completi l’escavazione di qualche tartufo indicato da uno dei miei cani.
  3. Ultima fase sono i primi ritrovamenti in tartufaia naturale in completa autonomia.
  4. Su richiesta, dopo qualche settimana rimango a disposizione per fare un uscita tutti insieme. In tartufaia naturale usciamo per vedere il comportamento del Cucciolo ma sopratutto il suo conduttore.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.